Artemisia Gentileschi

 

 

ARTEMISIA GENTILESCHI

Ritratto a due anime

di e con: Monica Angiuli 

Regia: Lino De Venuto

Produzione: Il Vello d’Oro

2020

Artemisia Gentileschi  fu la più grande pittrice del 1600.
Figlia di Orazio Gentileschi, pittore toscano, amico del Caravaggio.
Nel 1916, lo storico dell’arte Roberto Longhi, riporta alla luce il suo mito nel saggio “Gentileschi padre e figlia”.
Artemisia mostra sin da bambina grandi attitudini all’arte. Il padre Orazio le insegna tutte le tecniche e i segreti della materia fino a quando un giorno, Agostino Tassi (pittore paesaggista ed esperto in trompe-oeile), detto lo smargiasso, amico fidato e collaboratore di Orazio, si offrirà di impartirle lezioni di prospettiva. Successivamente compirà, nei suoi riguardi, un efferato stupro.
Da qui ha inizio la storia di Artemisia Gentileschi che poi diventerà icona del femminismo del nostro tempo.

GALLERIA

ARTICOLI ON LINE

La Gazzetta Meridionale – 23.02.2020

Quotidiano di Bari – 22.02.2020

RASSEGNA STAMPA